Lo squadrismo in Sardegna -1-

squadristi_veneti

Che in Sardegna il fascismo nelle sue fasi iniziali non ottenne grandi consensi, è cosa ormai risaputa. I fascisti sardi non presero parte alla “Marcia su Roma” e le prime mobilitazioni nella regione si risolsero in un gran fallimento: malmenati e dispersi, e addirittura scortati dai carabinieri, furono costretti a darsi alla macchia.
L’ostilità al fascismo raggiunse una dimensione tale, che in tutta l’Italia si arrivò a parlare della nascita di un vero e proprio movimento insurrezionale nell’isola.

Mussolini, spaventato, decise di correre ai ripari inviando nell’isola l’on. Pietro Lissia in rappresentanza del governo. Fervente antifascista nella prima ora, appartenente al gruppo parlamentare della democrazia sociale, aveva poi cambiato parere, diventando sottosegretario alle Finanze nel ministero Mussolini.
La sua visita fu accolta con un misto di sorpresa e preoccupazione, erano infatti alquanto rare le apparizioni dei membri del governo nell’isola.
Nonostante il grande risalto dato all’avvenimento dai giornali fascisti, al suo arrivo a Cagliari l’onorevole non trovò altri che le autorità civili e militari, il solito gruppo fascista, ma soprattutto oppositori. Nessuna folla in festa per le strade, solo urla e fischi, e anche nell’aula del Consiglio provinciale, dove tenne un discorso riguardo al programma del governo, l’ambiente era apertamente ostile.

Dopo la seduta provinciale, altri scontri si ebbero nelle piazze della città. La polizia effettuò nuovi arresti tra gli oppositori, qualcuno, aggredito dai fascisti armati, rimase ferito, le stesse guardie regie sostenevano e davano appoggio ai fascisti. Fu in questa occasione che Emilio Lussu fu violentemente colpito alla testa da parte di un graduato delle guardie regie. Rimase ricoverato a lungo in un ospedale cittadino, la sua aggressione suscitò un clamore enorme. Molti misero in relazione l’aggressione subita, al suo discorso d’opposizione tenuto poche ore prima di fronte all’on. Lissia.

A seguito dell’atto di violenza contro Lussu, organizzazioni politiche, deputati, consiglieri si recarono dal prefetto per esprimere la loro protesta, la popolazione si astenne dal lavoro, i negozi rimasero chiusi.
Di fronte a una situazione che poteva diventar ancor più pericolosa, il governo decise che era necessaria la pacificazione della città.
Seguirono accordi tra oppositori e capi fascisti, i detenuti politici vennero rimessi in libertà, l’ordine pubblico pareva ristabilito.

Il 27 novembre 1922 si tenne a Cagliari una grande manifestazione fascista; arrivarono sostenitori da tutta la provincia, il prefetto invitò la popolazione a esporre le bandiere nelle finestre, consiglio che però non venne seguito e le uniche bandiere presenti sventolavano nelle case dei fascisti.
I capi dell’opposizione avevano chiesto di evitare ogni tipo di provocazione e così, in tanti, decisero per un giorno di passare la giornata fuori dalla città.
I fascisti indossavano la camicia nera, erano armati di manganello, pistola e pugnale. In colonna, a precedere il corteo, guardie regie e carabinieri.
La folla presente rimase ostile ma impassibile e i fascisti più intransigenti abbandonarono le file per colpire, coi manganelli, chi non si levava il cappello al loro passaggio. La folla reagì. Gruppi di ragazzi accerchiarono un capo fascista e le trombe suonarono l'”allarmi”. I fascisti abbandonarono i manganelli e con pugnali e pistole colpirono i presenti. Gli oppositori, senza armi, si gettarono sulla colonna che fu prontamente difesa dai carabinieri che aprirono il fuoco. La città cadde nel caos più totale.

Secondo il resoconto ufficiale emanato dal prefetto, si contarono 22 feriti e 57 arresti.
Si trattò di dati faziosi, volutamente incompleti in quanto provenienti dagli ambienti filofascisti. Gli arrestati erano tutti oppositori, il numero di feriti ben superiore a quello indicato dal prefetto e, soprattutto, non fu neppure registrata la morte del primo antifascista sardo caduto vittima delle violenze: Efisio Melis, un ragazzo di ventisette anni.

Efisio Melis era stato un combattente della Grande guerra, decorato con la medaglia al valore militare. Smessa la divisa militare, si era iscritto al partito sardista e lavorava da operaio in officina. Durante la manifestazione fascista si trovava in via Garibaldi tra la folla e fu uno dei tanti che, durante il passaggio della colonna, rifiutò di levarsi il cappello. Fu allora che un fascista del suo rione, conoscendo le sue posizioni politiche, si spostò dalla colonna e gli ordinò di salutare lo stendardo fascista ma lui non si piegò, anzi: portò le mani al cappello, ma solo per sistemarlo meglio.
A questo punto il fascista, colmo di rabbia, traflisse per due volte Melis con la punta del gagliardetto. Melis aveva suo figlio in braccio e, impossibilitato a difendersi, cadde a terra esanime.

Subito la folla attorno a lui si avvicinò per soccorrerlo, ma venne fermata dai manganelli dei fascisti. Arrivato nello stesso ospedale in cui era ricoverato Lussu per la precedente aggressione, chiese di incontrarlo. “La guerra, la guerra”, saranno le ultime parole a lui rivolte. Morirà il 2 dicembre del 1922 e al suo funerale parteciperanno migliaia di persone. Alla vedova, insultata e aggredita, verrà impedito di portare fiori nella tomba del marito.
Nessun aggressore venne perquisito o fermato, la morte di Melis non trovò colpevoli.

Nei giorni seguenti continuarono gli arresti di oppositori e nel frattempo, molti industriali, agrari, commercianti si iscrissero al fascio. Il fascismo riusciva, in questo modo, ad aumentare il “consenso”.

L’episodio di Cagliari dimostra che in Sardegna ci fu una forte resistenza di fronte alle violenze fasciste, superiore alla gran parte delle regioni italiane.
Questo punto viene ulteriormente sottolineato dalle vicende che interessarono Sorso l’8 dicembre 1922.

Nella cittadina in provincia di Sassari, i fascisti vennero addirittura accolti da una fitta sassaiola e costretti ad abbandonare in fretta e furia la zona.

A Terranova, l’attuale Olbia, la popolazione era in larga maggioranza antifascista.
Facevano eccezione alcune famiglie di commercianti che, stanche di questa situazione, si misero in contatto con i fascisti di Civitavecchia per organizzare una spedizione armata.
Da Civitavecchia presero il piroscafo duecento fascisti armati. Una volta arrivati, guidati dai capi locali, accerchiarono le case degli oppositori e le assaltarono. In molti riuscirono a scappare per la campagna, ma una trentina vennero catturati e portati nella piazza della città. Nel frattempo vennero saccheggiate le organizzazioni di lavoro, le sedi, i circoli dei combattenti e dei mutilati di guerra.
La città, colta di sorpresa, era in mano ai fascisti.
Nella piazza centrale avvenne il “battesimo fascista”, non con l’acqua chiaramente, ma con l’olio di ricino simbolo della redenzione dal peccato antifascista. Era la prima volta che in Sardegna si usava un simile trattamento. Solo un prigioniero, contadino ex combattente, si rifiutò di bere e venne così percosso. A un noto esponente antifascista, avvocato, fu intimato di tenere un discorso inneggiante a Mussolini ma si rifiutò; arrivarono allora le figlie, in lacrime chiesero la liberazione del padre che di fronte alla scena straziante non potè far altro che piegarsi alla richiesta: salì sulla tavola predisposta e iniziò un piccolo monologo ma, prostrato da tanto sforzo, cadde a terra svenuto.
la popolazione rimase asserragliata nelle case fino alla loro partenza.
I fascisti esultavano, avevano vinto.

… segue.


Per approfondire l’argomento si consiglia le lettura:

  • “Marcia su Roma e dintorni” di Emilio Lussu.

.

 

 

Lino Businco: un sardo tra i firmatari del manifesto della razza.

220px-difesa_della_razza
.
La manifestazione più aberrante del fascismo fu l’introduzione, nell’autunno del 1938, di una serie di leggi discriminatorie rivolte prevalentemente contro i cittadini di religione ebraica. Queste leggi, molto simili a quelle naziste del 1935, escludevano gli israeliti dagli uffici e dalle scuole pubbliche, ne limitavano l’attività professionale, vietavano i matrimoni misti. Preannunciata da un manifesto di sedicenti scienziati che sostenevano l’esistenza di una “pura razza italiana” di indiscutibile origine ariana, la legislazione fu introdotta in un paese che fino ad allora, a differenza della Germania, della Francia e della Russia, non aveva mai conosciuto forme di antisemitismo diffuso.

Il manifesto della razza, diviso in dieci punti, si proponeva di insinuare nel popolo italiano il germe dell’orgoglio razziale per farne scaturire l’aggressività: “E’ tempo che gli Italiani si proclamino francamente razzisti”, evidenziava il settimo punto.

Tra i dieci scienziati che firmarono il vergognoso manifesto, uno proveniva dalla Sardegna: Lino Businco (1908-1997).
Laureato in medicina, a Cagliari, Businco fino al 1937 fu “aiuto incaricato” presso l’Istituto di Patologia Generale dell’Università di Cagliari, passò poi all’Istituto di Patologia Generale dell’Università di Roma. Divenne vice direttore dell’Ufficio Studi sulla razza  del Ministero della Cultura Popolare nel 1938 e, nel dicembre dello stesso anno, membro del Comitato segreto italo-germanico per le questioni razziali, lavorando con Himmler ed Hess. Fu insignito da Hitler della Croce rossa tedesca di seconda classe.

Ma il contributo di Businco alla causa della razza non si limitò alla stesura del manifesto. Pubblicò sulla rivista “La Difesa della razza”,  l’articolo Sardegna Ariana che aveva come scopo quello di dimostrare l’appartenenza dei sardi al “gruppo purissimo degli ariani mediterranei“. Basandosi su metodi pseudo scientifici, analizzando le ossa nuragiche per ottenere dati biologici, arrivò alla conclusione che i sardi avevano conservato la purezza del loro sangue attraverso i millenni e “non potevano appartenere a opachi raggruppamenti razziali africani“.

Lino Businco non fu il solo a sostenere questa tesi.
Un importante contributo lo diedero anche Paolo Rubiu, e ancora Claudio Colosso, sempre nel 1939, che cercarono di allontanare dalla “pura razza sarda” possibili equivoci sulla provenienza africana.
L’Unione Sarda, il maggior quotidiano dell’isola, a seguito delle leggi razziali del 1938 pubblicò un articolo, senza firma, in cui celebrava “la razza sarda, parte integrante della razza italica […] di cui costituisce una delle espressioni più elevate“.

Ma la voce dell’opposizione era molto forte anche in Sardegna e il suo simbolo fu ancora una volta Emilio Lussu che, con un testo straordinario pubblicato nel 1938, seppe smontare in modo ironico il Manifesto punto per punto.
In riferimento al IV comandamento del Manifesto: “questa popolazione a civiltà ariana abita da diversi millenni la nostra penisola” rispose che “siccome la Sardegna non fa parte della penisola ma è un’isola, l’affermazione suesposta non tocca i Sardi nè punto nè poco”.
E ancora: “Una volta posta la questione della razza, noi sardi vogliamo andare fino in fondo. Noi non l’avremmo posta per primi, ma tant’è: poichè ci siamo, ci vogliamo stare. E’ tempo che anche noi sardi ci proclamiamo francamente razzisti”.
Reclamando in modo alquanto divertente: “il diritto di chiamarci semitici, allo stesso modo con cui gli italiani della Penisola si dichiarano ariani” e mobilitando “a difesa della razza sarda […] le impavide zanzare, di pura razza semitica” per fermare gli ariani arrivati nell’isola.

Nonostante il passato così inglorioso, Lino Businco non ha mai pagato per le sue tesi razziali, al contrario. Nel 1962 venne insignito dell’onorificenza di “Commendatore dell’ordine al merito della Repubblica”.

.

A proposito dei firmatari del Manifesto della Razza, Franco Cuomo ha scritto:

“Nessuno li dimentichi. Nessuno si scordi mai di ciò che impersonarono nella storia del razzismo italiano Lino Businco, Lidio Cipriani, Arturo Donaggio, Leone Franzi, Guido Landra, Nicola Pende, Marcello Ricci, Franco Savorgnan, Sabato Visco ed Edoardo Zavattari.
Volevano dimostrare che esistono esseri inferiori. E ci riuscirono, in prima persona. Perché lo furono”.

.


Per approfondire l’argomento:

 

 

 

 

I sette fratelli Cervi

…Un paese senza memoria è un paese che non esiste…

Oggi ricorre il 72° anniversario della morte di Gelindo, Antenore, Aldo, Ferdinando, Agostino, Ovidio, Ettore, i sette fratelli Cervi, e di Quarto Camurri, fucilati per mano dei fascisti il 28 dicembre 1943.

I Cervi erano una numerosa famiglia contadina originaria della bassa reggiana. Poverissimi, riuscirono a prendere in affitto il podere di Campi Rossi e a renderlo produttivo, iniziando a praticare nuove tecniche per la produzione e la rotazione delle colture. Di fortissimi sentimenti antifascisti, presero fin da subito le distanze dal regime, portando avanti l’opposizione con atti di sabotaggio e aiuto agli alleati dispersi. Moltissimi saranno gli antifascisti che troveranno rifugio nella loro casa.

Il 25 novembre i fratelli Cervi, il padre e Quarto Camurri vengono catturati dai fascisti e portati al carcere dei Servi di Reggio Emilia. I sette fratelli Cervi verranno fucilati senza processo all’alba del 28 dicembre 1943, al Poligono di tiro di Reggio Emilia, insieme a Quarto Camurri. L’azione dei fascisti è un’azione di rappresaglia: i Cervi vengono infatti accusati di aver complottato per l’uccisione del segretario fascista di Bagnolo in Piano (Reggio Emilia). Il padre viene risparmiato, e grazie alla sua opera ha tramandato il ricordo della famiglia attraverso la sua casa, oggi diventata il Museo Cervi.

Epigrafe alla Madre

Quando la sera tornavano dai campi
Sette figli ed otto col padre
Il suo sorriso attendeva sull’uscio
per annunciare che il desco era pronto.
Ma quando in un unico sparo
caddero in sette dinanzi a quel muro
la madre disse
non vi rimprovero o figli
d’avermi dato tanto dolore
l’avete fatto per un’idea
perché mai più nel mondo altre madri
debban soffrire la stessa mia pena.
Ma che ci faccio qui sulla soglia
se più la sera non tornerete.
Il padre è forte e rincuora i nipoti
Dopo un raccolto ne viene un altro
ma io sono soltanto una mamma
o figli cari
vengo con voi.

Piero Calamandrei

.