Tre Passi Avanti

Ho tutto in testa ma non riesco a dirlo… (o quasi!)

Archivio per il tag “Antifascisti sardi nella guerra spagnola”

Antifascisti sardi nella guerra civile spagnola -3-

Chiudiamo il capitolo dedicato alla guerra spagnola, ricordando alcuni dei volontari sardi che sopravvissero al conflitto.

Salvatore Marcello di La Maddalena, noto comunista, emigrò clandestinamente in Corsica nel 1930, stabilendosi a Portovecchio, dove svolse diversi lavori. La Prefettura di Sassari, nel proprio schedario, traccia il seguente profilo dell’antifascista maddalenino:
“Espatriò in Corsica nel 1930, clandestinamente, e si stabilì a Portovecchio dove lavorò come minatore, poi nelle saline e quindi da bracciante. S’iscrisse nel 1935 al Sindacato C.G.T. di tendenza estremista e partecipò a uno sciopero dei portuali nel 1936. Distribuì in Francia giornali e manifesti antifascisti, mentre la sua figliuola Maddalena di 10 anni distribuiva fiori rossi in occasione di manifestazioni comuniste. Prese parte alla campagna spagnola con i rossi; nel settembre 1938 fu ferito alla gamba destra e al capo. Il 27 settembre 1941 veniva accompagnato dalla gendarmeria francese e consegnato in stato d’arresto alla polizia italiana di confine, reduce dai campi di concentramento francesi di Adde, San Cipriano e Vernet. […]. Appartiene a famiglia di pastori ed è vissuto in un ambiente socialmente e moralmente malsano. È analfabeta, pressoché ottuso di mente, per cui viene facilmente impiegato dagli elementi comunisti e antifascisti in manifestazioni avverse al Fascismo”.

Minatore e comunista era Aledda Antonio, di Giovanni e Mulanu Regina, nato il 23/02/1913, a Villaputzu (CA). Espatriato nel 1929, combatte la guerra spagnola in qualità di tenente della 1ª compagnia del 2º battaglione della Brigata Garibaldi, passa poi alla XVª Brigata Internazionale. Uscito dalla Spagna, è internato a Gurs.

Antonio Deiana di Tertenia è un’altra figura di antifascista emigrato in Corsica che ha combattuto in Spagna. Costui, di ideali comunisti, emigrò clandestinamente in Corsica nel 1931, risiedendo a Bastia, ma anche a Nizza. Nella città corsa lavorò come commerciante presso una ditta di pelli e lana e frequentò ambienti sovversivi, soprattutto comunisti. Nel 1937 si trasferì in Spagna per combattere nelle Milizie Rosse sino al 1939, quando venne internato nel campo di concentramento di Gurs, in Francia. Arruolatosi nelle compagnie di lavoro francesi, nel 1940 fu arrestato dalle forze di occupazione tedesche che lo rinchiusero, come prigioniero, in un campo di concentramento in Germania, dal quale sarebbe uscito nel 1943.
Congiu Francesco, di Salvatore e Lussu Fortunata, 28/09/1898, Ballao (CA). Aggiustatore, comunista. Nel 1922 emigra in Francia continuando in questo Paese l’attività antifascista svolta in Italia. Nell’aprile 1937 si reca in Spagna e viene inquadrato nel 2º battaglione della brigata Garibaldi. Ferito in Estremadura, combatte anche sull’Ebro. Rientrato poi in Francia, il 27 ottobre 1942 è arrestato dalla Feldgendarmerie di Longwy per attività comunista.

Lusso Raffaele, di Pasquale e Congio Brigitta, 06/08/1895, Villasalto (CA). Minatore, comunista. Diverse volte picchiato e perseguitato dai fascisti, nel mese di aprile del 1924 emigra clandestinamente recandosi in Francia. A Parigi prende contatto con le organizzazioni antifasciste italiane. Parte per la Spagna alla fine di ottobre del 1936. E’ arruolato dal 1º novembre nel battaglione Garibaldi, poi passa alla 3ª compagnia del 4º battaglione della brigata omonima. Tenente, è ferito sull’Ebro. In seguito rientra in Francia.

Lussu Emilio, di Giovanni e Mereu Lucia, 04/12/1890, Armungia (CA). Avvocato e giornalista, Giustizia e Libertà. Ufficiale durante la prima guerra mondiale, pluridecorato, è deputato fra il 1921 e il 1924 per il Partito Sardo d’Azione. Nell’ottobre del 1926, in seguito ad un assalto alla sua casa da parte di squadre fasciste, uccide un aggressore. E’ incarcerato, poi assolto per legittima difesa ma confinato per cinque anni. Nel 1929 evade dal confino portandosi in Francia dove svolge un’intensa attività antifascista. In Spagna è per un breve periodo nella Colonna Italiana, con mansioni dirigenti. Rientrato in Francia e poi in Italia nel 1943, è dirigente partigiano. Parlamentare per varie legislature nel secondo dopoguerra, è anche brillante scrittore di opere memorialistiche e saggistiche.

Emanuele Mura, nato a San Vito (CA) il 13/2/1898, contadino, risulta emigrato in Francia nel 1923. Tenuto prigioniero dai franchisti a Santander, venne internato in un campo di concentramento in Spagna. Tradotto in Italia nel 1938, fu confinato a Ventotene.

Antonio Puliga, classe 1915, San Vito (CA), ricercato dalla polizia per le sue convinzioni antifasciste, si rifugiò in Francia in data imprecisata. E’ soldato nella 2ª compagnia del battaglione Garibaldi, segnalato anche dal CTV “da un elenco rinvenuto nella sede abbandonata di un comando repubblicano”. Rientra in Francia dopo il mese di ottobre del 1938.

aic_1516

G. Secci -San Vito-

Giovanni Secci, di San Vito (CA) nato nel 1896, comunista, pastore, risulta residente in Francia. Si arruolò nella compagnia italiana del battaglione Dimitrov nel gennaio 1937. Ferito a Morata de Tajuna, fu costretto a rientrare come invalido in Francia.

Eugenio Sestu, classe 1904 San Vito (CA), muratore, comunista, a vent’un anni fu costretto a emigrare in Francia in quanto, non volendo aderire al fascio, si ritrovò senza lavoro. In Francia fu molto attivo nelle organizzazioni dell’emigrazione antifascista italiana. Nel 1936 partì per la Spagna, arruolandosi nel mese di ottobre nel battaglione Garibaldi, 1ª compagnia, portaordini. Ferito a Pozuelo, passò alla brigata Garibaldi, 1º battaglione. Rimase nuovamente ferito a Brunete, riportando un’invalidità. Rientrò in Francia nel luglio 1938, nel giugno dell’anno seguente parte per l’Unione Sovietica.

.

Annunci

Navigazione articolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: