Acchiappiamo uno sceicco

Cellino vuole il Leeds, e si è stufato del giocattolino sardo, questo si è capito.

Cellino ha deciso di vendere? Questo non si capisce.

Ma ancor di più, non si capisce chi stia scarabocchiando questa storia fantasiosa sulla squadra, importunata ora da cinesi, americani e sceicchi in ordine cronologico sparso. La questione più seriosa è stata, da una parte, il continuo rincorrersi di date, e dall’altra, la pseudo sicurezza della stampa di un nuovo proprietario arabo, lo sceicco qatariota che prima ha acquistato la Costa Smeralda, e ora sarebbe intenzionato ad accaparrarsi il Cagliari.
La cosa è fatta, Cellino aspetterebbe il 14 febbraio per ufficializzare… ma il giorno di S. Valentino arriva e passa, e non succede nulla.
E’ solo questione di ore, continuano a dire, appena si saprà il vincitore delle regionali avrete in nome del compratore. Va bene che lo spoglio è stato di una lentezza indicibile, ma non è durato settimane, e ancora silenzio assoluto. Nel frattempo un noto giornale di finanza afferma che gli sceicchi non sono assolutamente intenzionati ad acquisire una squadra di calcio italiana e tantomeno sarda. Apriti cielo: tifosi che, inferociti, commentano la falsa notizia e si dicono sicuri di un contratto già depositato e firmato da un celebre notaio cagliaritano.

Ma non è finita qui. Su alcuni blog compare una vignetta ironica in cui Ibrahimovic racconta che il suo sogno è sempre stato quello di giocare al Cagliari, e nel frattempo certa stampa ipotizza il prossimo ricco mercato della squadra isolana. Diversi giornali parigini, traendo spunto dal chiacchiericcio italiano, danno spazio alle loro preoccupazioni sull’eventuale passaggio del loro Ibra al Cagliari e la situazione diventa sempre più grottesca.

Fatto sta che, a oggi, dei qatarioti non c’è neppure l’ombra, dei cinesi nemmeno e degli americani, chi lo sà.

E noi stiamo lì lì per retrocedere. Alla faccia dello sceicco, incurante del nostro destino.

Annunci

Il tifoso sconfitto

calcio...

Oggi, in una classica domenica di campionato, ho maturato un pensiero profondo che merita di essere condiviso.

Lo scrivo ora, dopo l’ennesima sconfitta immeritata: è troppo facile fare il tifo per le grandi squadre, potersi rallegrare, cioè, all’occorrenza, per uno scudetto, per una qualsiasi coppa, per un’ottima posizione in classifica.
Tifare per la Juve, per l’Inter, per il Milan significa provare euforia, felicità, qualche volta un po’ di rabbia quando si interrompe il record di vittorie consecutive. Poi, se dovesse andar male una stagione, andrà sicuramente meglio la prossima, se non c’è la Champions, c’è la Uefa. Insomma, si può scegliere per cosa gioire, un motivo ci sarà sempre.

Per me… tutto è diverso. Io seguo il Cagliari. Afferrate il concetto?
Qualcuno di voi vorrà ben compiangermi (è così facile), immaginando le sofferenze di una disgraziata che puntualmente vede la sconfitta materializzarsi all’ultimo minuto con la fortunata di turno e con la classifica che … sì, niente, insomma: non si smuove neppure a pagarla; e vorrà pure indignarsi pensando alle ingiustizie del calcio, ai torti arbitrali nei confronti delle piccole, alla svendita dei calciatori migliori, che tanto male possono causare a una povera tifosa di basso rango. Ebbene, accomodatevi, c’è posto per tutti. Ma badate bene, non si tratta propriamente di autocommiserazione.
E allora?

Voglio semplicemente soffermarmi sulla figura del sostenitore.
In questa vita costellata da ripetitive sconfitte calcistiche, ho scoperto che ci sono tifosi e tifosi: quelli che soffrono (sempre) e quelli che gioiscono (spesso).
In questa moltitudine di emozioni è possibile trovare i veri appassionati. Saranno mica quelli che conoscono solo l’ebbrezza della vittoria? Assolutamente no. L’idea che mi sono fatta è che i veri amanti del calcio andrebbero ricercati nella prima categoria, che chiameremo degli sconfitti, perchè loro nel seguire la propria squadra ricevono ben poco in cambio e sicuramente non vengono ricompensati con continue vittorie e coppe.

Siamo noi che conosciamo benissimo il sapore amaro della sconfitta, con quel triplice fischio che è quasi sempre una condanna. Non alziamo nessuna coppa al cielo, a parte quella del gelato, e a fine stagione festeggiamo solo per esserci ancora, soddisfatti per aver allontanato anche stavolta lo spettro della B.
E come siamo lunsigati dei complimenti sulla Gazzetta quando riusciamo a fermare una Grande, con tanto di salvataggio ossessivo degli articoli sul Pc!

Ecco, le nostre emozioni sono così diverse da chi twitta con Buffon o con Totti, perchè noi twittiamo con Cossu o con Brighenti, che al massimo escono con le cugine della velina. E non gliene importa a nessuno.
E se Radja comunica di essere passato alla Roma, i tifosi gli augurano il meglio, sperando che fra una quindicina d’anni possa venire a chiudere la carriera proprio qui. Mica siamo così stolti da pensare di ricomprarlo più in là per rafforzare la squadra… no, no, vai, diventa un campione goditi il successo e poi, se non hai altro da fare, ricordati di noi. E quanta emozione nel vedere che lo stesso Radja mentre si appresta ad affrontare le partite che contano, indossa un calzino con il simbolo della vecchia squadra. Brividi e relativi ringraziamenti per questo gesto così intimo e profondo. Portaci con te Radja, non nel cuore, sarebbe troppo, in un piede ci va bene comunque.

Eh sì, ci facciamo tenerezza da soli, noi grandi tifosi di una piccola squadra, che per vedere un replay della partita alla Domenica Sportiva dobbiamo aspettare le 2 di notte. Per sentire che poi, la nostra vittoria era dovuta a un calo fisico degli avversari, a poca concentrazione, a un modulo sbagliato: insomma, non siamo noi a vincere, sono gli altri a perdere.
Ma noi siamo pochini, contiamo poco,
non come l’Inter o la Roma che sono squadroni con tifosi sparsi per l’Italia, loro!

Ed è verissima questa cosa, gli appassionati di Juve e Inter sono in ogni angolo. E che rabbia sentire i tuoi concittadini “Ah, ma io tifo Juve”, quando Torino non sanno neppure dov’è: e li vedi festeggiare di fronte alla tv quando lo squadrone vince e con che orgoglio fanno sventolare la bandiera bianconera sul balcone, in uno sperduto paese della Sardegna… Felicità a me sconosciute, queste! Eh già, tu sei un grande, caro mio, tu che vai a cercare la facile vittoria e puoi vantarti con gli amici “Vi abbiamo schiacciato anche stavolta”, ma che senso ha?

Forse non c’è proprio nessun senso nel mondo del calcio, dove le piccole giocano per stare in basso e le grandi sono sempre lassù, dove i vincitori sono sempre gli stessi e gli altri stanno lì a guardare. Dove ciò che conta sono i soldi, i grandi nomi, i titoli e le vittorie. Ma ogni volta che la partita sta per iniziare, pensi che davvero i giocatori sono 11 per parte, che realmente il pallone è rotondo, che forse oggi è la volta buona per fare qualche punticino e chissà che non si riesca a fare un passo avanti in classifica. E ci ricadi di nuovo, accendi la radio e senti il benvenuto del cronista: cori in sottofondo, fischio dell’arbitro e si riparte. Rete!

Non era la nostra, chiaramente. Abbiamo perso anche stavolta, siamo abituati è vero, però…
Che faccio, cambio??

.

Fuga di notizie

Avete mai notato leggendo i quotidiani o ascoltando i telegiornali che esistono una serie di espressioni che vengono continuamente utilizzate dai giornalisti?

 
Cresce l’attesa; atteso vertice; grande attesa per l’incontro; zona impervia; in arrivo i giorni della merla; in arrivo il grande freddo; tempestivo intervento; vivo allarme; bottino magro; stroncato da infarto.
Lancette avanti: torna l’ora solare. Lancette indietro: torna l’ora legale.

Tragica fatalità; ammasso di rottami; lamiere contorte; squallida vicenda; netto rifiuto; una tragedia che si poteva evitare; rabbia e sgomento; efferato delitto; cresce il tragico bilancio dei morti; il paese assiste attonito; non scartiamo nessuna ipotesi.
Il rilancio del mezzogiorno; il rilancio dell’economia; monito del Papa; accorato monito del Papa; appello del Papa;  fuga di notizie; è iniziata la ripresa; la ripresa non c’è ancora; aria di crisi.
Le stragi del sabato sera; domenica di fuoco sulle autostrade; disagi per chi viaggia; smentite le previsioni.
Va avanti l’inchiesta; il no della procura; il magistrato ha disposto l’arresto.

I ragazzi della Roma bene; Milano da bere; l’Italia ponte sul Mediterraneo; i paesi che si affacciano; i paesi emergenti; le tigri asiatiche.
Ha inizio la grande kermesse; lutto nel mondo del cinema; spaccatura sui diritti tv; in campo per centrare il primo obiettivo; stagione sfortunata; ed è subito Inter; è ancora Cagliari (ehm, questa purtroppo è più rara…).

  

Interisti o Bayernisti?

 

 

10 motivi per tifare Inter:

 

  1. Perché siamo italiani;
  2. Perché non siamo tedeschi;
  3. Perché quel bricconcello di Moratti mi sta sufficientemente simpatico;
  4. Perché dicono che gli interisti sono sempre tristi ma io non ci credo;
  5. Perché paga lo stipendio a Marco Materazzi;
  6. Perché se non vince quest’anno dovrà fare la vittima per altri 40 anni;
  7. Perché ha battuto il Barcellona;
  8. Perché è pur sempre meglio del Milan;
  9. Perché Mourinho è stronzo al punto giusto;
  10. Perché se l’Inter riuscirà ad agguantare il suo sogno, significa che c’è speranza per tutti.

 

10 motivi per NON tifare Inter:

 

  1. Perché visti i colori della maglia andrebbero chiamati bluneri e non nerazzurri;
  2. Perché diventerebbe una squadra tremendamente seria;
  3. Perché voglio sentire il ministro La Russa criticare l’impegno dei tedeschi;
  4. Perché di italiano la squadra non ha neanche il nome;
  5. Perché l’anti-pulci Bayer rappresenta indubbiamente un’ottima difesa;
  6. Perché dicono sempre di avere tutti contro. E in questo momento non sarebbe  giusto togliergli certezze;
  7. Perché ci sarà qualcuno che dirà “Zeru Champions”;
  8. Perché lo scudetto del 2006 spettava al Cagliari;
  9. Perché Ligabue avrebbe nuove idee per una bella canzone;
  10. Perché non ho mai visto Balotelli sorridere.

 FORZINTER

 

40 anni fa

 

12 aprile 1970

 

CAGLIARI CAMPIONE D’ITALIA

 

 

 

CAGLIARI-BARI 2-0 (1-0)

(Cagliari, 12 aprile 1970)

Cagliari: Albertosi; Martiradonna, Mancin; Cera, Niccolai, Poli; Domenghini, Nenè, Gori, Brugnera, Riva – All.: Scopigno.

Bari: Spalazzi; Loseto, Zuckowski; Diomedi (61’ D’Addosio), Spimi, Muccini; Canè, Fara, Spadetto, Colautti, Pienti – All.: Matteucci.

Arbitro: De Robbio di Torre Annunziata.

Reti: 39’ Riva, 88’ Gori.

 

 

 

“Lo scudetto del Cagliari rappresentò il vero ingresso della Sardegna in Italia. Fu l’evento che sancì l’inserimento definitivo della Sardegna nella storia del costume italiano. Questa regione rappresentava fino agli anni Sessanta un’altra galassia. Per venirci, bisognava prendere l’aereo e gli italiani avevano una paura atavica di questo mezzo di trasporto. La Sardegna aveva bisogno di una grande affermazione e l’ha avuta con il calcio, battendo gli squadroni di Milano e Torino, tradizionalmente le capitali del football italiano. Lo scudetto ha permesso alla Sardegna di liberarsi da antichi complessi di inferiorità ed è stata un’impresa positiva, un evento gioioso. La Sardegna era fino ad allora nota per la brigata “Sassari”, ma le sue vicende furono un massacro”

 

Gianni Brera

 

 

 

“Il Cagliari campione esalta e i sardi e chi gli ha creduto. E’ stato e rimarrà autore di una impresa sportiva che trascende il mero significato di un torneo di calcio pur tanto importante e seguito. Il valore della sua affermazione è almeno doppio rispetto alle precedenti in libro d’oro. Ha vinto superando squadroni famosi da quando calcio è calcio; ha dissolto gli avvilenti tabù del clima mediterraneo, avverso per generale convinzione alle grandi prestazioni atletiche ed al durevole mantenimento della condizione psicofisica, ha smentito ancora la conclamata psicologia degli italiani che si vuole comicamente traumatizzata dai continui viaggi in aereo. Le conseguenze dell’impresa cagliaritana possono veramente incidere sull’evoluzione del costume nazionale, non soltanto per quanto riguarda lo sport. Smentire dei tabù psicologici significa altresì costringere un popolo a rivedere le proprie superstizioni, rettificare dati che si volevano scientifici e non sono, dimensionare certi alibi fin troppo comodi per tutti. Il Cagliari ha potuto tanto giocando a calcio. Né sembra arguibile che tale affermazione venga accolta con il minimo dubbio. Lo sport è indice primario di vita civile”.

 

Gianni Brera

 

 

 

Olimpiadi Vancouver 2010

Il presidente del Consiglio attacca pesantemente:

“Voglio l’assoluzione piena, è invenzione pura, noi non c’entriamo niente con tutto questo. Ci sono dei giudici talebani che vogliono scalfire l’immagine del nostro Paese. Basta, è arrivata l’ora delle riforme, non possiamo andare avanti così, lo dobbiamo agli italiani.”

 

La disastrosa spedizione italiana all’olimpiade di Vancouver, come si può leggere dai giornali, ha dunque pesantemente colpito il nostro Premier che sentitosi accusato ingiustamente, umiliato nel profondo, avvilito nell’anima e scoraggiato nello spirito, ha promesso a tutti gli italiani un’importante riforma da attuare al più presto per uscire dalla profonda crisi che sta attanagliando gli atleti azzurri.

Conscio dell’importante ruolo che ricopre per il suo Paese, ha deciso con un coraggioso slancio di benevolenza di occuparsi in prima persona del problema che rischia di oscurare l’immagine italiana nel mondo, così come fece già 2 anni fa per gli europei di calcio e di cui quest’estate avremo i primi importanti risultati.

 

Trattandosi di una situazione di piena emergenza, il nostro Premier ha deciso che pieni poteri saranno dati a Bertolaso a cui spetterà l’incarico di rimettere letteralmente in piedi l’acciaccata spedizione azzurra. Sarà dunque suo compito quello di organizzare le sedute massaggi e fisioterapiche, a cui si dice affiancherà una professionista testata dal capo della protezione civile in persona.

 

L’intero staff con un durissimo comunicato stampa ha inoltre smentito le malignità sulla pattinatrice azzurra.

Appurato che il talento la Kostner lo ha, eccome, i suoi allenamenti, leggermente modificati, continueranno ad sostenuti economicamente dalla federazione sportiva. Constatata che la sua figura migliore è quella della “scivolata di sedere”, verrà promossa nella nazionale di curling di cui non ricoprirà il semplicistico ruolo di capitano bensì quello ancora più importante e a lei più consono di testatrice di Stone, il disco fatto di puro granito scozzese che per omaggiare la grande campionessa verrà abbellito di gonnellino e paiettes.

 

Sistemata la Kostner, rimangono ancora da risolvere i problemi degli atleti praticanti sport più classici, vale a dire sci di fondo, alpino, nordico, il cui problema, secondo l’avvocato Ghedini, è stato riscontrato nella dieta alimentare completamente inadeguata.

Un importante scossone allora è stato dato al sistema ristorazione, reo di non aver saputo proporre regimi nutrizionali consoni a degli sportivi. Il cuoco ufficiale verrà sostituito dal signor Beppe Bigazzi che avrà il compito di curare i menù riproponendo le antiche ricette di una volta, preparate con prodotti genuini e carni fresche, provenienti direttamente dal giardino di casa.

 

Scalpore hanno destato alcune valutazioni poco attendibili dei giudici di gara, ricordiamo soprannominati dallo stesso premier come talebani, che avrebbero danneggiato pesantemente la spedizione italiana.

Alla luce di queste profonde accuse, si è acceso il dibattito sul miglior sistema di voto:

  • Il senatore Di Girolamo si è detto entusiasta all’idea di far votare tutti i giudici all’estero attraverso il voto per corrispondenza, che a detta del senatore sarà pur visto come antiquato ma pur sempre utile e affidabile.
  • Morgan, che si era subito candidato come giudice volontario con la sola condizione di poter cantare la sua canzone in mondovisione, interpellato dalle tv nazionali, si è detto molto dispiaciuto dall’ennesima esclusione, anche perché di gare e sport non ci capirà molto, ma della polvere bianca abbastanza. 

Alla fine, ha prevalso l’unico metodo attendibile e conosciuto.

Il peso dei giudici verrà limitato al 50% mentre per la restante parte entrerà di scena il pubblico con il televoto e la voce di Maria in sottofondo a determinarne l’inizio e la fine.

 

Per creare un maggior seguito di appassionati, entreranno a far parte della squadra di sci alpino Marco Carta, in quello di fondo Valerio Scanu e il posto lasciato libero dalla Kostner verrà occupato da Alessandra Amoroso.

Il cognato di Bertolaso si impegnerà a costruire una pista di sci a La Maddalena per permettere al vincitore di Sanremo di allenarsi al meglio in casa propria.

Marco Carta per non pesare sul bilancio, potrà restare a Pirri dove verrà raggiunto da un allenatore. In attesa di una nevicata su Monte Urpinu, verrà omaggiato di una console Nintendo Wii.

Ancora incerto è il destino di Alessandra Amoroso, anche se, per rilanciare la musica italiana nel mondo, si vocifera che danzerà sulle note di Italia Amore Mio con il principe che canterà l’intera canzone in diretta.

 

Brillante è stata definita da Emilio Fede l’idea del presidente del Consiglio, che servirà a ridare lustro all’Italia, a infondere coraggio agli atleti e a far riscoprire ai connazionali il senso di appartenenza alla patria. Consapevole infatti di essere amato, rispettato e acclamato in tutto il mondo, sarà proprio Silvio Berlusconi ad immolarsi per il popolo italiano e a fare da portabandiera per i colori azzurri.

Per questo motivo, ma soprattutto per rendere omaggio al Premier dell’enorme sforzo compiuto, le medaglie per l’Italia saranno personalizzate.

In bocca al lupo!

 

medaglia

.

Il saggio Buffon ci ha detto che … ??? !!!

CAMPIONATO  2008/2009

 

  • “Già a metà del girone d’andata saremo noi della Juve ad occupare il primo posto”.
  • “Entro Natale avremo recuperato lo svantaggio con l’Inter”.
  • “Vedrete che entro Carnevale avremo superato l’Inter”.
  • “Prima della metà del girone del ritorno, avremo ripreso l’Inter”.
  • “Entro Pasqua festeggeremo il primo posto a danno dell’Inter”.
  • “Per la festa dei lavoratori l’Inter sarà già sorpassata”.
  • “Entro l’ultima di campionato guideremo la classifica”.

 

 

CONFEDERATIONS CUP 2009

 

  • “L’Italia è in Sudafrica per vincere”.
  • “Difenderemo e onoreremo il titolo di Campioni del Mondo”.
  • “Contro il Brasile possiamo vincere non una ma due volte”.

 

[Si vocifera che Buffon, durante il match contro il Brasile, abbia rilasciato altre preziose dichiarazioni da dietro la sua porta]

 

  1. “Entro i primi 15 minuti saremo già in vantaggio”.
  1. “Entro 2 minuti pareggeremo con un gran gol”.
  1. “Entro 5 minuti recupereremo come minimo un gol”.
  1. “Entro 10 min…” AAAAHHHHH    [Frase interrotta dall’autogol di Dossena] .
  1. “Entro la fine del primo tempo saremo sul 3 a 3”.
  1. “Al fischio finale avremo non solo vinto ma segnato anche i 2 gol di scarto”.

 

 

…Buffon… Carissimo Buffon…

 

Vedi di andartene, simpaticamente,

 

 AFFAN***OOOO!!!

 

P.s: nell’analizzare l’ultima parte dell’affermazione si invitano i gentili lettori di tener conto dello stato di frustrazione della blogger, maturato dopo aver visto l’ultima, nefasta, partita delle mummie egiziane, ehm, no, italiane!