Tre Passi Avanti

Ho tutto in testa ma non riesco a dirlo… (o quasi!)

Expo

Ebbene sì, ci sono stata anche io.

Grazie ai biglietti omaggio ottenuti tramite uno sponsor, ho potuto ammirare questa gigantesca fiera che, devo dire, mi è piaciuta parecchio. Tantissima gente, troppa, lunghissime code, esagerate, pochi soldi spesi, davvero.

La mia esperienza, insomma, è stata totalmente positiva. C’è una sorta di cattiva informazione che gravita attorno all’Expo. C’è chi, portafoglio alla mano, dice di aver speso un capitale tra ingressi, cibo e quant’altro. In realtà, già da agosto, era possibile trovare biglietti a data aperta scontati del 60-70%, senza contare quelli omaggio offerti da enti e sponsor.
Per il cibo certo, se eri intenzionato a mangiare al ristorante giapponese non potevi pretendere di spendere pochi euro, ma già una pizza o un panino li pagavi quasi quanto il market sotto casa.
L’acqua era totalmente gratis. Grazie alle colonnine sparse per tutto il sito, l’avevi a disposizione fredda, liscia o gassata. Più comodo di così.

Poi sì, c’era la questione code…
Gente in fila ovunque. Anche per il bagno.
Però ho avuto la fortuna di incontrare, durante queste lunghissime attese, persone davvero simpatiche, quindi il tempo scorreva abbastanza velocemente.

File ingresso Expo

Dati alla mano, ho visitato l’Expo 4 volte, una sessantina i padiglioni visti, alcuni bellissimi, altri molto meno.
Il Padiglione Zero è quello che mi ha conquistata maggiormente.
Era il padiglione iniziale, il suo obiettivo era quello di condurti al tema del cibo come energia per la vita, il tema centrale dell’Expo. Ci è riusciuto in pieno. Magnifico, davvero emozionante.

Padiglione Zero

Padiglione Zero, interno

E poi c’era l’Albero della Vita. Immenso. Chissà che fine farà, dopo l’Expo.

albero della vita

La Corea del Nord e la Corea del Sud, unite in un unico padiglione super-tecnologico. Il tema del cibo trasmesso dai robot. Natura e artificio si fondono.

Corea

E poi gli Stati Uniti. Si possono riassumere con Obama che ci dà il benvenuto. Molto più bello esternamente, con i suoi giardini verticali. Per il resto, il nulla.
Al contrario, molto più interessante il Kuwait. Percorso iniziale tra la sabbia, la pioggia come fonte di vita ti dava il saluto iniziale, per poi far spazio all’immenso sole sullo sfondo. Coinvolgente dall’inizio alla fine. Ah, quasi dimenticavo, ho anche potuto assaggiare l’acqua dolce del Kuwait, dal sapore stranissimo!

Kuwait

Un altro paese molto interessante, il Qatar. Il padiglione era una sorta di spirale che il visitatore percorreva dall’alto verso il basso. Al centro, una sorta di albero della vita che grazie a incredibili giochi di luce si illuminava raccontando la sua storia, in una sala totalmente buia.

Qatar

Per visitare la Francia la fila era, stranamente, molto piacevole in quanto diventava una sorta di passaggiata tra orti e giardini. Una volta entrati nel padiglione vero e proprio, uno spazio aperto molto grande e luminoso, la parte più interessante si trovava sul soffitto, una sorta di mercato rovesciato.

francia

Che ingresso, la Polonia!
Fatta totalmente di cassette di legno, questa angusta entrata lasciava poi lo spazio a un grazioso giardino nel piano superiore.

polonia

La mattina ci rechiamo in fretta e furia al padiglione del Giappone. Era un giorno feriale, un banale martedì di fine settembre.

giappone

4 ore e 30? Lasciamo perdere. Decidiamo di dedicarci ai padiglioni vicini, con file più sopportabili. Arriva l’ora di pranzo, la gente si fionda nei punti ristoro, si riposa sui prati e mentre i padiglioni si svuotano, le file nei ristoranti diventano esagerate. Controlliamo il cartello del Giappone e con grande sorpresa leggiamo 1 ora e 50. Riusciamo così a visitare questo benedetto luogo mentre gli altri visitatori si strafogano di cibo, gli stessi che poi faranno ore e ore di fila poco dopo. Ma a pancia piena.
Che dire, del Giappone, ne parlano tutti. Tecnologia in ogni angolo, luci, video, suoni che creavano un atmosfera molto coinvolgente, giochi con la prospettiva che ti lasciavano a bocca aperta, descrizione minuziosa e accattivante del cibo tipico e infine, il famoso ristorante del futuro. Un’immensa sala buia con tavoli e sedie, piatti interattivi e bacchette vere con cui mangiare… le immagini sul piatto, chiaramente. Bellissimo. Una visita durata quasi un’ora.

vinitaly

Purtroppo, non ho sopportato la fila per il padiglione Italia, non finiva mai e soprattutto non c’erano indicazioni sui tempi di attesa. Nel Cardo, zona italiana, ho visitato solo Vinitaly senza, tra l’altro, neppure assaggiare un sorso di vino.

Molti paesi, come quelli più poveri dell’africa nera, per mancanze di risorse hanno utilizzato il loro spazio esclusivamente per vendere i loro oggetti tipici. Altri, come l’Ecuador, finivano per intrattenerti con una lezione di geografia sul Paese, con tanto di video e cartina esplicativa. Il Vietnam, bellissimo dall’esterno, internamente era una piccola delusione, ma è qui che si vendevano i famosi cappelli di paglia che andavano alla grande, non solo dentro l’Expo ma anche fuori.

In conclusione, cos’è che ha attirato milioni di persone a questo evento?
Avevi sicuramente la sensazione di girare il mondo, lì dentro, ma è stato davvero solo questo?

Decumano

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Un pensiero su “Expo

  1. E così un po’ l’ho visto anche io da qui! E senza fila! 🙂 Bellissimo post!!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: