Tre Passi Avanti

Ho tutto in testa ma non riesco a dirlo… (o quasi!)

La scelta d’un comitato

Hai già assistito tante di quelle volte alla festa di paese, quella più importante dell’anno per intenderci, e mai una volta che ti sia piaciuta davvero. Sei un ascoltatore sensibile, attento alla musica di un certo tipo, tu, pronto a criticare le decisioni del gruppo di volontari a cui spetta l’organizzazione, ma preoccupati solo a fare la scelta più comoda, più sicura, più popolare. Di fronte alla monotonia di questa situazione, inizi a provare un certo disappunto e un pensiero si fa spazio nella tua mente.

Bene, cosa aspetti?
Dai, nessuna vergogna, si è capito cosa hai per la testa. Ci sono tanti, giovani e meno giovani di te, che a un certo punto decidono di  entrare all’interno del sistema per modificarlo, non certo per sposarne i principi, e stavolta sarai uno di loro. Non che t’aspetti qualcosa di particolare da questa avventura in particolare. Sei uno che per principio non s’aspetta più niente di niente: il meglio deve ancora venire? Non proprio, tu sei convinto che il meglio sia evitare il peggio, ma in questo campo così come in pochi altri un po’ di speranza rinasce, e questo delicato piacere riaffiora nella mente. D’altronde quest’avventura può finir bene o male, ma il rischio della delusione non è poi così grave.

Dunque, quest’anno sei entrato anche tu nel comitato dei festeggiamenti di un paesino di 5000 anime, hai fatto bene.
Hai partecipato alle riunioni, hai simpaticamente importunato i tuoi compaesani con le questue, hai aiutato come hai potuto insomma, e ora arriva il momento più importante, quello per cui hai deciso di far parte del sistema, il momento emozionante della scelta. Quale scelta? Ma quella dell’artista che si esibirà nel giorno principale, dovrebbe essere ovvio!

Già alla prima riunione con gli impresari delle varie agenzie, hai individuato il genere di artista che cercavi. Seguendo questa traccia musicale hai scansato il fitto sbarramento degli Artisti Che Non Avranno Nessuna Speranza Di Metter Piede Su Questo Palco, che ti guardavano accigliati dai dvd e dai depliant cercando di intimidirti. Ma tu sai che non devi lasciarti mettere in soggezione, che tra loro s’estendono per ettari e ettari i Comici Che Non Hanno Mai fatto Ridere Nessuno, i Comici Le Cui Battute Conosciamo Ormai a Memoria, i Comici Che Sono Già Venuti Una Ventina Di Volte E Per Quest’Anno Possiamo Evitare. E così superi le retrovie, ma ti piomba addosso la cavalleria dei Cantanti Che Se tu Avessi Più Soldi Certamente Li Chiameresti Volentieri Ma Purtroppo Gli Euro Che Hai Sono Quelli Che Sono. Con abilità da felino li scansi dall’altra parte, ma ecco che si presentano di fronte i Cantanti Che nemmeno Paolo Limiti Si Ricorda Più, quelli che Credevi Morti Da Un Pezzo, gli Pseudo Cantanti di Maria De Filippi Che L’Ultima Volta Che Ne Hai Visto Uno Era A Bordo di Un Volo Low Cost A 10 Euro Senza Bagaglio Da Stiva. Sventando questo terribile assalto arrivi di fronte alla trincea nemica, ma ecco che a fare l’ultima disperata resistenza ci sono loro, i temutissimi Tributi:
Tributi Ai Vari Cantanti Deceduti Sì Ma Sempre Presenti Nei Nostri Cuori, Tributo di Antonello Cuomo Venditti Che Con Lui Vai Sul Sicuro, Tributi agli 883 Nelle Varie Fasi Prima Dopo Durante La Cura Dimagrante Del Pezzali, Tributo al Tributo Ufficiale di Celentano Perchè Il Tributo Originale Non Te Lo Puoi Permettere.
Ecco, sei riuscito a ridurre il numero di forze in campo, puoi farcela, puoi arrivare alla meta, ma a sorpresa vieni insidiato dalle imboscate dei Cantanti Regionali Che I Soldi Sarebbe Meglio Lasciarli in Sardegna e dei Cantanti Che Han Sempre Riempito La Piazza E Che Viene Tanta Gente.
Respingi l’attacco frontale, ti muovi con rapide mosse per non essere sotto tiro, ci sei quasi, ma ecco che inciampi contro la Band Regionale Vista Qualche tempo Fa Che sarebbe Ora di Riproporre… Azz.

Rilassati. Raccogliti. Allontana da te ogni pensiero che non sia quello del tuo obiettivo. E’ venuto il momento che anche tu dica la tua. Dillo subito, agli altri: “No, non voglio sentire di nuovo i Tazenda!” Alza la voce se no non ti sentono: “Sono già venuti quattro anni fa!” Forse non ti hanno sentito, con tutto quel chiasso; dillo più forte, grida: “Novità, ci serve una novità!”

Niente, il vociare aumenta, non ti ascoltano e il fronte si è spaccato.
Si vota 1-2-3 17 mani al cielo, ci siamo, hai vinto. No, aspetta, qualcuno si arrende all’avversario, c’è uno sbaglio, ma come? Ecco, di nuovo 1-2-3 15 pari non ci credi, non può essere, ci sono traditori tra voi, è così eh? Vorresti lanciare i Tazenda fuori dalla finestra, tra le lame affilate delle persiane, farli volare oltre il campanile, ridurli in atomi, in molecole, frammentarli, disintegrarli in impulsi luminosi, in segnali utili solo a far funzionare il tuo modem wi-fi. E’ proprio ciò che si meritano, nè più, nè meno.
Invece no: ti calmi, cerchi di ragionare. Sappiamo che sei piuttosto impulsivo, ma ormai in mezzo a queste discussioni hai imparato a controllarti.
Si riprende la votazione, la terza, l’ultima decisiva. Si spera.

Ora sei di fronte al palco.
E’ il 12 ottobre, la festa sembra essere un gran successo, c’è tanta gente, e molti giovani, e tu non riesci a levarti dalla faccia quel sorriso così compiaciuto. Brava, ce l’hai fatta.
Simone Cristicchi si avvicina, ti ringrazia, e incuriosito chiede: “Contro chi ho vinto la sfida, stavolta?”.

Comitato Villaputzu 2014, io c’ero.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Un pensiero su “La scelta d’un comitato

  1. Ahi, che ansia solo a rileggere i momenti della scelta!!! 😀

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: