Tre Passi Avanti

Ho tutto in testa ma non riesco a dirlo… (o quasi!)

Il Paese è Reale?

Anche la Sardegna è caduta.

 

E malamente, aggiungerei.

Sì, e la cosa fa irritare perché non solo c’è stata la nauseante affermazione di Berlusconi pure in terra sarda, ma perché per una volta che potevamo contare su una personalità di sinistra oltremodo accettabile e affidabile si è deciso che non andava bene.

Non andava bene perché la sua folle idea di voler percorrere una strada diversa dallo sfruttamento indiscriminato dell’ambiente a favore di uno sviluppo e di un’innovazione più sostenibile rappresentava un qualcosa di irrealizzabile e inconcepibile per la massa, attratta dai soliti discorsi qualunquistici del premier.

 

Lo sapevo io, che abito a due passi dal mare, che tutta questa zona gli avrebbe consegnato la vittoria su un vassoio non d’argento, ma d’oro: Soru qua ha perso perché in alcuni paesi ha avuto meno del 30 % di preferenze. Paesi notoriamente di sinistra che hanno affossato il proprio pensiero politico. E non c’è da stupirsi. Ho sentito tanti discorsi di gente arrabbiata perché erano finiti i tempi d’oro delle costruzioni sulla costa, persone arrivare a dire che la “gente onesta” ha il diritto di costruirsi la casa al mare…

 

A me però rimane nella mente lo sfacelo avvenuto in questi anni appena passati, e non riesco a essere ottimista di fronte a queste considerazioni. Non ce la faccio, non ora.

So solo che immensi cubi di cemento, realizzati tipo alveare con lo scopo di creare più appartamenti possibili, hanno irrimediabilmente distrutto un paesaggio incantevole.

Un’intera collina a ridosso sul mare completamente ricoperta di cemento, travi e mattoni.

Troppo faticoso pensar di costruire con un minimo di criterio e farlo nella zona più a valle; ai turisti la nuova disposizione non sarebbe piaciuta, avranno pensato in molti, avrebbero dovuto fare qualche passo in più mentre così, con un po’ di fortuna, da alcune abitazioni potrebbero tentare l’impresa emozionante di tuffarsi in mare direttamente dalla finestra.

 

Ma grazie alla vittoria di Berlusconi non ci saranno più problemi, l’idea di una bella passata di cemento anche sulla spiaggia non credo sia poi così irreale, non sarebbe giusto impiastricciare di sabbia i turisti che prendono il sole, per carità, potrebbero portare meno soldi.

 

E grazie al Premier molti pensano che saremo ricoperti di Euro dalla testa ai piedi, certo, almeno fino a quando i turisti non capiranno che per vedere certi ambienti possono far meno strada andando a Rimini o a Riccione. Io sono del parere che chi sceglie la Sardegna lo fa per il mare pulito, per le spiagge ancora poco frequentate, per i paesaggi incontaminati, per l’archeologia e la tranquillità. E basta. Chi vuole solo il divertimento, non viene qui, e noi dobbiamo proporre un turismo alternativo a quello che offrono le altre regioni d’Italia, dobbiamo preservare il nostro ambiente.

 

Solo il 40 % dei sardi l’ha capito. Purtroppo.

 

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

4 pensieri su “Il Paese è Reale?

  1. Infatti il valletto di Berlusconi sta già calpestando la legge salva-coste…

    Mi piace

  2. Anche lì forte astensionismo?

    Mi piace

  3. Sono incazzata nera. Delusa dal popolo che si è trasformato in un branco di pecoroni, delusa dal popolo che si è lasciata incantare da un’eco di sirene che cantavano bugie su bugie solo per la voglia di vincere e la voglia di mandare via Renato Soru, l’unico uomo sardo capace di amare la Sardegna e di governarla avendone pieno rispetto. Delusa dal fatto che quel popolo, sia anche il mio. Delusa e dispiaciuta anche solo di pensarlo ma stavolta, la maggior parte dei sardi, non ha capito un cazzo! Sognano che arrivino i soldi… ma quali soldi?? Lui non porterà altro che danni e perdite. Io ho completamente perso la fiducia. Penso che una forte opposizione sia possibile grazie a noi, giovani.

    Soru ha detto che i sardi hanno deciso così e che lui rispetta questa decisione.

    Io non la rispetto! I sardi non hanno rispettato sè stessi e io, adesso, non ho alcun rispetto per loro.

    “Io voglio far qualcosa che serva
    Fammi far solo una cosa che serva
    dir la verità è un atto d’amore
    fatto per la nostra rabbia che muore”

    Mi piace

  4. non c’è più delusione
    non c’è più rabbia
    solo tanta tristezza……

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: