Tre Passi Avanti

Ho tutto in testa ma non riesco a dirlo… (o quasi!)

Ricette di Quotidiana Macabra Felicità

Metto le mani avanti dicendo che non sono un’esperta critica musicale, ma non esagero se dico che il nuovo album degli Afterhours è favoloso!

Si parte dalla copertina originalissima.

Dallo sfondo rosso affiora il servizio buono: un piatto raffinato con al suo fianco le posate d’argento. Fin qua tutto ok, “cose semplici e banali” potremo quasi pensare.

Ma non è così. Questo cd di ordinario non ha nulla… Ed ecco che sulla destra del piatto troviamo una collezione di coltelli, disposti in ordine quasi maniacale dal più piccolo, da tavola, fino al coltellaccio da macellaio, dove l’argento lascia il posto al manico nero…

Il titolo dell’album serve a dare una logica spiegazione:

i Milanesi Ammazzano il Sabato.

Più chiaro di così!

Ma giustamente è la musica che si prende tutta la scena.

14 pezzi tutti molto diversi tra loro, si va dal brano più ironico a quello più profondo, dalla canzone orecchiabile a quella più complessa. Gli arrangiamenti sono eccezionali, nella stupenda Tarantella all’inazione viene esaltato lo splendido timbro di Manuel, in Neppure Carne da Cannone per Dio si rimane spiazzati per il ritmo della batteria. Dopo l’iniziale Naufragio sull’isola del tesoro scopriamo che in fondo E’ solo febbre, anche se in verità quei violini non è che tranquillizzino molto. I milanesi ammazzano il sabato, inquieta e amara fa venir voglia di Riprendere Berlino, la più pulita e spensierata, che lascia il posto alla musica accattivante di Tutti gli uomini del presidente.Ritorniamo a scuola con un Tema: la mia città dove si menzionano anche i blog e con Tutto domani il leitmotiv è già bello in testa. Dove si va da qui, ci si chiede ad un certo punto, lasciando che il testo, così come in Musa di nessuno, occupi il primo piano. Si continua con E’ dura essere Silvan dove ritorna l’ironia con tanto di citazione del parrucchino del mago; giusto Pochi istanti nella lavatrice (anche se è una delle poche canzoni che supera i 4 minuti) e atterriamo nella morbida realtà, ben consapevoli che, in fondo, anche Orchi e  streghe sono soli

 Immagina un istante
Se avessimo un reverse
Così più invecchi e più sei giovane
Puoi risbagliare tutto e ridere
[Tarantella all’inazione]

 Luce del mattino
Luce di un giorno strano
Pensavi di esser perso
E cambia il tuo destino
Non sarebbe bello
Non farsi più del male
E non sarebbe strano
Se capitasse a noi
[Riprendere Berlino]

 Sindaco no, temo siano guai
Di urbanità bilanciocentrica
Chi affronterà
I maglioncini degli insorti
Blog,  rhum e coca-ina
Per battere il sistema
[Tema: la mia città]

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

12 pensieri su “Ricette di Quotidiana Macabra Felicità

  1. Iiiiiihhhhh Manuel!!!!!!

    Gli After!!! Che bello!!! Semplicemente meravigliosi!!! Non si ripetono mai, spiazzano sempre da un disco all’altro ma i loro lavori sono a dir poco eccellenti!!!!

    Mi piace

  2. meravigliosa recensione, condivido tutto.. Sai cosa? E’ tutto tranne che commerciale, nonostante la major..

    Mi piace

  3. mi piace la tua recensione.. devo prenderlo qst album!! io gli afterhours li adoro 😄 peccato nn c’è ancora traccia di una data a torino 😦

    Mi piace

  4. Secondo me non hai niete da invidiare ai critici musicali….mi informerò meglio su come I milanesi ammazzano il sabato!

    Mi piace

  5. Sarà che prima di andare a dormire sono passata di qui… ma stanotte ho sognato gli Afterhours!!! Ho sognato che ero andata a un loro concerto e Manuel è venuto a salutarmi. Si è intrattenuto cone me e abbiamo chiacchierato tantissimo. Prima di salutarci ci siamo scambiati i numeri di telefono…. presuntuosa?? Beh, dopotutto si tratta di un sogno!!! 🙂

    Mi piace

  6. fantastici!! album fantastico!!
    nn vedo l’ora che arrivi il 23 maggio per andare al concerto…
    ciao e buona domenica.
    A.

    Mi piace

  7. mmm… mi fai venire voglia di riascoltarli… devo ammettere che dopo essere andata a un loro concerto e aver “passato” un brutto quarto d’ora (non certo per la musica) li ho presi in antipatia e non li ho più ascoltati… ci penserò!

    Mi piace

  8. grazie 🙂 attendo ansiosamente il concerto..

    Mi piace

  9. Come cd è fantastico…forse un pò frettoloso per le 14 canzoni nei 45 minuti, ma qualche song è veramente degna di nota!
    E domani sera primo concerto dopo un anno e due mesi di astinenza!!! Vado!

    Mi piace

  10. i voti sono stati moderati per non essere faziosa… per me sarebbero tutti 9 visto che amo gli after! ma volevo essere critica e imparziale, guardare il cd da fuori e non con gli occhi di fan innamorata dei testi e delle sonorità!
    anch’io preferisco questo a ballate per piccole iene.. infatti sotto l’ho scritto!!

    Mi piace

  11. Amo particolarmente gli Afterhours, li seguo da moltissimi anni, anche live quando posso.

    Ottima recensione, gli arrangiamenti in questo loro ultimo lavoro sono strepitosi.

    Mi piace

  12. FAVOLOSO! Ormai lo ascolto a ripetizione!=P
    Poi sentirli live è stato fantastico, era da tantissimo che non mi sentivo così!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: