Tre Passi Avanti

Ho tutto in testa ma non riesco a dirlo… (o quasi!)

Giorni di festa

Non ho più avuto un momento libero per aggiornare il blog, ma vi assicuro che la mancanza di tempo non è dovuta a una mia iscrizione al fan club di Giggi, a una lettura approfondita dei tarocchi da parte del Mago Joseph o a un ascolto irrefrenabile delle canzoni di Mariottide. Niente di tutto questo!

 

E’ solo che nel mio paese siamo nel pieno di festeggiamenti religiosi con tutto ciò che ne consegue, luna park, feste, uscite, fuochi d’artificio, bancarelle e tutto ciò che serve per rianimare un paese in piena catalessi. Così non potevo certo non partecipare a questo “risveglio” di massa, anche a costo di sacrificare gli aggiornamenti del mio blog e le letture dei vostri…

 

Ma come non resistere al fascino della bandierine colorate di fronte alla tua camera, che mosse dal vento fanno un casino allucinante in piena notte, o ai botti sparati in strada che ogni volta ti fanno saltare dalla paura, al mal di piedi dovuto ai tacchi alti, alle urla dei bimbi festanti che per l’occasione non vanno neanche a scuola e te li trovi dappertutto più pestiferi che mai?

E no, nessuno può opporsi a questa allegria che ogni anno, alla seconda domenica di ottobre, invade il mio caro paese e si allungherà per il resto del mese. Un’ultima boccata d’aria che segna ufficialmente la fine dell’estate e al termine ci farà piombare in un lungo letargo che finirà solo col avvicinarsi del Natale. Bisogna gustare ogni momento, insomma.

 

La festa è iniziata venerdì sera. Un folto gruppo di persone sedute di fronte al palco che ascoltano una commedia sarda divertentissima, interrotta continuamente dalle risate del pubblico.

Doveva essere così… molto probabilmente era questa l’immagine che si era formata nelle menti dei componenti del Comitato e nei pensieri della gente…!

La verità è che ci siamo ritrovati di fronte a una tragedia che ripercorreva qualcosa di Eleonora D’Arborea. La vita? No. I pensieri? No. Le azioni? Neanche. Non ho la minima idea di cosa volessero rappresentare.

Dopo una prima parte dove cercavo seriamente di ascoltare il dramma (e di capirci qualcosa), per una sciocchezza causata da un fraintendimento con Sara, abbiamo iniziato a ridere e non abbiamo smesso fino alla fine, riuscendo persino a distrarre un signore della fila vicino, che ha iniziato a ridacchiare dopo aver sentito una mia battuta (cosa che poi si ripeterà 2 giorni dopo in chiesa, stavolta con una signora).

Fatto sta che questa rappresentazione teatrale è stata un vero fiasco, con pochissime persone ad ascoltare solo perché in questo modo avevano un posto per sedersi.

 

Sabato era la volta della classica gara poetica dialettale, dove tre poeti/cantanti (is cantadores) trattano un argomento richiesto dal pubblico e lo improvvisano. Qualche anno fa con il mio gruppetto avevamo tentato di proporre un tema ma c’è stato subito impedito… perché, che male c’è a proporre “L’isola dei Famosi”? Fallimento a parte, noi che di sardo stretto ne capiamo ben poco, sappiamo bene che il sabato è il giorno dedicato all’altra piazza, ossia al luna park con la musica assordante, le risate, i pettegolezzi, le chiacchiere e gli incontri.

 

La domenica è invece il giorno più impegnativo, la messa solenne con la musica delle launeddas, con “sa sraba” (botti rumorosissimi esplosi dal sagrato della chiesa), processione con tanto di cavalieri, gruppi folk e tanta gente… Pranzi che non finiscono più, la folla in giro dal pomeriggio, fuochi d’artificio e per finire la serata in piazza, divertentissima (e stavolta davvero) grazie al gruppo teatrale de Lapola, che ci ha fatto morire dal ridere dall’inizio alla fine grazie ai personaggi di Katy Manca, Sant’Andrea Frius, On. Splendido, Romeo e  Giulietta etc. etc. Bravi davvero, e non hanno niente da invidiare ai comici più affermati di Zelig (d’altronde anche Geppi Cucciari era partita proprio da qui).

 

Oggi ci aspetta un’altra serata poi qualche giorno di pausa, poi un’altra festa nei dintorni e poi di nuovo qua… insomma, un periodo festaiolo.

Come ogni anno sono stati 4 giorni molto divertenti, tra annunci importanti con relativi segreti da mantenere, figli presunti, risate a non finire, qualche malumore, case magiche, foto a suggellare i diversi momenti…

Insomma, a atrus annus!

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

19 pensieri su “Giorni di festa

  1. oh mamma……. le feste di paese!!!
    ma da voi c’era il toro meccanico???

    Mi piace

  2. Stupendo…a me piacciono queste feste folkloristiche e molto caratteristiche!!!Aioooooooooo!!!! ;)))

    Mi piace

  3. W i Lapola!!
    Io non sono mai riuscita a vederli dal vivo, sigh…

    Mi piace

  4. E’ sempre bello quando ci sono queste feste…

    Mi piace

  5. Che bella atmosfera deve esserci…

    Grande Geppi Cucciari!!;)

    Mi piace

  6. Dai è una scusa…magari davvero stai facendo quelle cose che hai elencato all’inizio, ehehe…Scherzo, buon divertimento, baci 🙂

    Mi piace

  7. bellissima la gara di improvvisazione…nell’antichità erano assai frequenti…molto molto bella!!

    il mago joseph…aaaaaaah…

    Mi piace

  8. @ Billy: niente toro meccanico stavolta, quest’anno ci hanno riempito di giostre e di giochi a premi… elettronici! Il toro era fonte di belle risate, peccato…

    @ Chrysa e Sagufo: sì, la festa è bellissima, la si aspetta per tutto l’anno!

    @Scratty: mai visti i Lapola dal vivo? ma veramente? Per me è la 4 volta, sono una loro fan :))

    @Inakea: Geppi a Lapola faceva la parte della cozza se non ricordo male… Poi si è vendicata nei monologhi di Zelig 😉

    @Luca: Ehehehe no no no 😉

    @Lilith: La gara è bella ma incomprensibile a molti. Mi hanno detto giusto ieri che per scegliere i temi della serata, diverse persone scendono tra il pubblico e chiedono silenziosamente l’argomento da trattare, poi vince quello che è stato più richiesto.
    Il più gettonato è “su fogu e s’acqua” (il fuoco e l’acqua).

    Mi piace

  9. Nu, mai…

    Mi piace

  10. beh!Come si dice?tutto il mondo è paese!se ti è capitato di leggere il mio post di esattamante un mese fa potrai notare la innumerevoli analogia con la festa patronale del mio paese…soprattutto la parte delle presunte maternità e delle chiacchere…siamo un popolo di pettegoli…
    buon divertimento!!!
    -kic@-

    Mi piace

  11. io ho visto almeno 5volte
    Pino e gli anticorpi
    “tumidici cosa devofare…
    e io lo faccio”

    Mi piace

  12. Pino e gli Anticorpi erano a un km da casa per uno spettacolo ma me li sono persa…
    Però la pubblicità delle suonerie proprio non riuscivo a sopportarla, un tormento vero e proprio!!!

    Mi piace

  13. io li odio pino e gli anticorpi…mi irritano da morire!!

    Mi piace

  14. Feste di paese…una cosa che conosco da pochi anni (visto che prima, abitando a Roma, non ce ne stavano..>_>) ma reputo fantastiche….ti fanno addorottura arrivare a parlare con gente mai vista e sentita e che, alla fine del periodo, tornerà nell’anonimato più assoluto!!!Che bello *_*

    A proposito tesora bella..sul mio blog..ti ho nominata =_=”
    scusa, ma non sapevo proprio a chi tirare in mezzo!!!!
    Baci baci!

    Mi piace

  15. Infatti quella del barbone che suona le campane del Vaticano è proprio divertente!…

    Mi piace

  16. mamma quanto scrivi! io ci metterei un mese a scrivere così tanto…ciaoooo!

    Mi piace

  17. Grazie per l’in bocca al lupo!!

    Mi piace

  18. Bella la festa del paese! Anche quì da noi nei paesetti etnei ci sono feste e sagre. Ieri sono stata alla sagra dei funghi, molto caratteristica e … gustosa!!

    Mi piace

  19. @ Fantasy: sì, le feste di paese sono molto belle, poi bisogna aggiungere il fatto che riescono a spezzare la routine..!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: