Tre Passi Avanti

Ho tutto in testa ma non riesco a dirlo… (o quasi!)

Do Re Mi

E’ con sommo piacere che Vi annuncio che in questi giorni ho ripreso in mano la chitarra classica e non solo per darle una pulitina come potrebbero credere i malpensanti.

Ebbene sì, questo avvenimento che potrebbe sembrare irrisorio per molti è invece un episodio molto importante per la sottoscritta e, come tale, non potevo non renderne partecipi i Miei Lettori che sono rimasti a casa, lontani dalle mete turistiche mondane.

 

  • Sei brava?” – Non proprio, o almeno dovremo prima approfondire la scala di misurazione in cui il termine brava può essere accettato.-
  • Conosci tutti gli accordi?” – Sì, se lasciamo perdere quelli di difficoltà media e alta. Ma scusate, non fate troppo i pignoli e non soffermatevi sulle piccolezze, please!-
  • “Sapresti suonare gli spartiti di un canzoniere?” –Ma certo, se il canzoniere lo conosco già a memoria e gli accordi sono stati riveduti e corretti-

 Ma allora perché c…. rompi?” 

Mah, per il semplice motivo che suonare è prima di tutto una passione, con il corso ci ho speso dei soldi che devono essere giustificati, devo far conoscere al mondo intero che questa blogger è persino una… musicist no, cantant no… ex aspirante apprendista musicale!

 

Inizierò il post facendo un breve excursus sulla mia carriera da chitarrista, caratterizzate da dure lezioni, ore e ore di apprendimento nella più severa disciplina senza mai aver tempo per 2 chiacchiere o due risate con i compagni di corso, oggi anch’essi grandi chitarristi a livello rionale.

Tutto iniziò nel lontano 2000 quando decisi, assieme a due care amiche, di intraprendere il difficoltoso cammino verso l’arte più nobile, la musica, e piene di tanti buoni propositi ci iscrivemmo al corso.

I nostri migliori intenti però svanirono già dopo la seconda lezione, quando ci obbligarono a studiare “Marina” che poi, tra le altre cose, divenne il nostro cavallo di battaglia e sarà oggetto di risate e battute che continuano tuttora .

 

Fu questo, il periodo più proficuo della mia carriera musicale; accantoniamo per cortesia il mio primo vero debutto canoro all’età di 8/9 anni con la canzone  “Marco se n’è andato e non ritorna più” di fronte alla mia classe. Da quel momento in poi odierò la Pausini in ogni sua manifestazione e forma, tortellini inclusi.

 

La vita è piena di difficoltà, e questo si sa, e un grosso ostacolo si frappose tra me e lo studio della chitarra: il barrè. Lo ammetto, l’ho sempre detto.. Le difficoltà non fanno per me! Dopo aver abilmente raggirato il problema con un semplice cambio di accordi, il definitivo colpo del K.O. arrivò al momento di accordare la chitarra da sola, senza l’aiuto del maestro. Dopo estenuanti tentativi, coadiuvati da aggeggini vari, dovetti accettare la realtà dei fatti.. Suonare la chitarra scordata non è il massimo e, in attesa di momenti di apprendimento più fruttuosi, la appoggiai in un angolo della mia camera.

Dopo 5 anni era ancora lì, con espressione triste e solitaria e non chiedeva altro alle mie mani se non… una leggera spolverata. Ma qui si vede l’artista che c’è in me e con un atto estremo di coraggio (grazie anche alla rottura di un’unghia che mi ha costretto ad abbandonare la french manicure che adoro) ho ripreso il plettro in mano e sulle note di “Leggero” di Ligabue ho iniziato a canticchiare (e sì, il corso prevedeva anche lezioni di canto)…

 

…Leggero

nel vestito migliore

nella testa un po’ di sole

ed in bocca una canzone…

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

15 pensieri su “Do Re Mi

  1. La serata di sabato non è stata un granchè, ma comunque divertente, diciamo che non era l’ambiente più consono per noi e il nostro tipo di musica!
    “Leggero” è uno dei primi pezzi che ho imparato a fare alla chitarra. Non ti fermare al barrè, c’è molto di più e più complesso!

    Mi piace

  2. un tempo quando avevo i capelli lunghi (perchè un tenpo i capelli li avevo)…..
    un mio amico dicevo che avevo l’aspetto di un chitarrista……
    per fortuna dei “non audiolesi” non ho mai preso in mano uno stumento……
    insisti, penso sia bellissimo saper suonare uno strumento…..

    Mi piace

  3. Non lasciarti frenare dall’unghia…mi hai fatto correre un brivido alla sola lettura in ricordo della mia….
    Poi dovrai cambiare il nome al blog però…tra palco e realtà ;)))

    Mi piace

  4. Ma allora sei una piccola Keith Richards! BUONE VACANZE Silvia! Mi assento per un po’! A presto! *Blur*

    Mi piace

  5. Anche io tentai di imparare a suonare la chitarra, un mio amico – bravissimo – tentava di darmi lezioni… alla seconda mi ha detto: “lascia perdere, non hai orecchio, non imparerai”
    W la sincerità 😀

    Mi piace

  6. sì,insisti…figurati che clint ha imparato da solo e da “giovane” suonicchiava persino robe metal!!
    voglio provarci anch’io…non so quando,ma inizierò!!

    Mi piace

  7. Ti ringrazio per il commento alle mie foto. Ciao. Gianni

    Mi piace

  8. Che bella quella canzone…Anche a me sarebbe piaciuto impararla, ma ahimè resterà tra i rimpianti della vita…”Sulla testa un pò di sole ed in bocca una canzone…” Ciao 🙂

    Mi piace

  9. grazie per aver visitato il mio blog… anch’io avrei voluto imparare a suonare la chitarra ma purtroppo è rimasto solo un pensiero mai reso concreto per mancanza di tempo. cmq in bocca al lupo, ciao

    Mi piace

  10. Che poi in “Leggero” c’è il barrè…

    Mi piace

  11. Ma allora non siete partiti tutti per le meritate vacanze estive..!
    Grazie per l’incoraggiamento, la chitarra in mano l’ho ripresa e per me è già un bel passo avanti…

    @Sagufo: nella mia versione niente barrè, in compenso c’è un ritmo difficilissimo (che ha fatto stupire persino chi, la chitarra, la suona da decenni!).

    Mi piace

  12. Addirittura! Sono curioso…
    Ma quali vacanze…. anzi….

    Mi piace

  13. allora ti invito per una serata sula spiaggia così tu schitarri e noi balliamo…ma non ti preoccupare se non sai suonare bene…nemmeno noi ce la caviamo nel ballo!!!ciao aspirante…com’era?
    -kic@-

    Mi piace

  14. C’è dell’autoironia nel tuo racconto e questa fa sempre comodo nella vita… mi piace il tuo modo di affrontarla…
    Brava hai ripreso la chitarra perchè era destino che la riprendessi… mica si rompono per caso le unghie…

    Un abbraccio

    Mi piace

  15. Aaaaaaaaahhhhhh che meraviglia il periodo da chitarrista!! Io ancora non l’ho ripresa, è che non ci ho pensato altrimenti ieri sera ho visto il nostro insegnate sostitutivo e gli avrei detto di organizzare una improvvisata in piazza con gli ex-allievi. Al momento me esclusa!!
    W la chitarra e w le unghie corte!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: