Tre Passi Avanti

Ho tutto in testa ma non riesco a dirlo… (o quasi!)

Miss, mia cara miss

La mia scalata al successo ha avuto una piccola battuta d’arresto, vorrà dire che mi rifarò la prossima volta.
Il mio curriculum rimane dunque invariato.
In compenso mi sono divertita abbastanza nel veder passare i ciclisti: 2 ore d’attesa all’ombra di una pianta per poi vederli correre davanti a me per 2 secondi di orologio, è stata senza dubbio un’esperienza entusiasmante (ero in un tratto in pendenza dove correvano un casino, mica potevo mettermi in salita, dove almeno ne avrei notato il colore della maglia…).

 

Sempre in tema di telecamere, tv e successo, ieri ho visto una pubblicità su Rete4 che sponsorizzava la finale di Miss Padania e mi sono detta: “Posso tralasciare un simile argomento?”. E no che non posso, così, armata di tanta buona volontà e cercando di mettere da parte ogni preconcetto, ho iniziato una piccola ricerca sul sito ufficiale del concorso. Ecco su cosa mi sono imbattuta.
I requisiti per partecipare, secondo l’art. 5 del regolamento:

1.- Avere la cittadinanza italiana ed essere residenti da almeno 10 anni in Padania (azz.. non posso partecipare…!);

2.- Essere dello stesso sesso registrato sul certificato di nascita (dunque anche gli uomini nati uomini possono concorrere?);

3.- Non essere mai state coinvolte in fatti contrari alla morale (ma esattamente cosa si intende per morale?);

4.- Età compresa tra i 17 e 28 anni (e questo può andar bene);

5.- Non aver mai partecipato a servizi fotografici e film ritenuti sconvenienti (una foto scattata ai piedi dell’Etna sarebbe ritenuta sconveniente?);

6.- Non rilasciare dichiarazioni non in linea con gli ideali dei movimenti che promuovono la Padania (un “W l’Italia” mi metterebbe sicuramente nei guai…).

Se hai tutte queste caratteristiche puoi concorrere per la vittoria di:
Miss Padania, in questo caso sei la ragazza che rispecchia i canoni della bellezza classica della Padania;
Miss Sole delle Alpi, ti ribelli alla banalità delle convenzioni e guardi con fiducia ad un futuro di libertà;
Miss camicia Verde, combattiva e rivoluzionaria sei il simbolo del risveglio della gente del Nord.
Se sei un po’ più bruttina potresti vincere titoli minori, tra i quali spicca Miss Radio Padania Libera (per te, che parli un ottimo inglese ma preferisci il tuo dialetto).
Purtroppo, i miei pregiudizi che avevo accantonato per un attimo, sono subito ricomparsi dopo aver letto queste righe, e non c’è modo di rimandarli via. Non riesco infatti a trattenere il sorriso di fronte alla vincitrice di Miss Padania, che negli ultimi anni ha poco a che vedere con i canoni di bellezza nordici, Miss Sole delle Alpi (il sole splendente è la caratteristica del Nord, ricordiamocelo) che rappresenta un futuro di libertà (libero da chi?) e Miss Camicia Verde che ha l’obiettivo di risvegliare la popolazione padana (titolo che più di tutti richiama alla vera motivazione politica del concorso).
Non ho nulla in contrario per quel che riguarda un concorso di bellezza, sia esso nazionale, regionale o.. paesano, ma se penso che Miss Padania rappresenta un territorio non istituzionalizzato, è un concorso creato per fini politici (ricordiamoci che la Lega rimane un partito secessionista) e viene trasmesso da una tv nazionale, la questione non mi lascia indifferente. Anche se lo si vuol far passare come concorso di bellezza, tra l’altro pure in vena comica viste alcune delucidazioni in merito alle caratteriste dei titoli, siamo di fronte a una propaganda politica senza uguali. Ma poi, le ragazze che vi partecipano, seguono veramente questi “ideali del movimento” o lo fanno solo per utilizzare il concorso come trampolino di lancio verso il tanto agognato mondo dello spettacolo?

Sapete, sono arrivata al punto di non avercela più con gli organizzatori del concorso, con il partito o con Rete4 (che hanno comunque il loro pensiero, nonostante sia il più sbagliato possibile); ce l’ho a morte con tutta quella schiera di giovincelle che ogni anno si presentano per le selezioni di Miss Padania, non sapendo per che cosa viene fatto oppure nascondendosi dietro la motivazione “E’ un concorso come un altro…”. Sono convinta che buona parte di queste ragazze non sia assolutamente interessata al motivo reale del concorso, non conosca la storia del nostro Paese (e con questo intendo l’Italia intera), non abbia mai preso una cartina geografica in mano, e credo pure che siano convinte che la Padania esista realmente come istituzione.

P.s.: un consiglio per le aspiranti Miss: leggete bene l’articolo 5, non quello del regolamento del concorso, bensì quello della Costituzione italiana.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

10 pensieri su “Miss, mia cara miss

  1. Si può dar torto a chi la pensa così e lo racconta con fine ironia?
    Ciao

    Mi piace

  2. Ho visto anch’io la pubblicità, ma a me ha fatto solo effetto zapping…..le regole del concorso sono qualcosa di unico, soprattutto la seconda….ahahahahahah…e credo che la foto hai piedi dell’Etna comporti esclusione immediata, ma forse anche quella vicino ad una forma di Parmigiano….eheheheheheh..
    Un bacio….

    P.s Linkaggio accordato…..appena capisco come si fa, procedo anch’io a semplificare la ricerca…eheheheh…a presto

    P.p.s Quasi quasi mi convinco per la petizione….magari dopo aver risolto alcuni problemi di manutenzione blog…eheheheheh

    Mi piace

  3. mhà…purtroppo ste minchiate ce ne sono e non si può far più di tanto per abolirle…vige sempre la libertà di fare,dire e pensare…l’unica arma è l’indifferenza e non farlo diventare un evento nazional-popolare.cmq concordo con quello che hai scritto.brava!

    Mi piace

  4. Ciao, si hai ragione i nostri blog sono nati da poco, ma vedo che nel tuo hai già scritto tanto. Sono d’accordo con le parole che hai scritto nel primo intervento sul tuo neo-blog, raccontarsi e raccontare agli altri di sè fa bene a prescindere.

    Mi piace

  5. Santo cielo, Miss Padania!!! Io non ho mai avuto l’idea di guardare il sito, ma un salto lo farò.
    Beh, una che partecipa a Miss Padania ha tante porte che si aprono, per esempio spalare merda per tre mesi alla prossima edizione di uno,due,tre stalla. Mica male eh?

    Mi piace

  6. complimenti a mia sorella per la delicatezza:-)…mah per quanto mi riguarda già essere leghisti è un fatto contrario alla morale..

    Mi piace

  7. C’è gente che pur di apparire in tv (avere i suoi 15 minuti di fama no??) è disposta a far di tutto..anche perdere la faccia e nel mentre sorridere come se nulla fosse…e c’è anche chi partecipa a stupidi concorsi di bellezza senza neanche sapere da che idea è nata la Padania e cose simili…che dire..il modno è bello perchè è vario…(o avariato?)!!!
    Baci

    Mi piace

  8. …cavolo, io da buon bergamasco dovrei approvare sto concorso…ma proprio non ci riesco, e di una tristezza incredibile, poi va beh, ognuno fa ciò che vuole…ma almeno la dignità uno dovrebbe conservarla sempre…
    Va beh, ciao
    A.

    Mi piace

  9. E sì, Sara (83) è sempre diretta in quello che dice e la approvo in pieno 😉 .Stavo per scriverlo sul blog, che l’unica foto sconveniente secondo me sarebbe stata proprio quella con Umberto!! Mi hanno detto che una Miss è già stata reclutata da Fede Emilio come meteorina.. Più veloce della luce, quest’uomo!!

    X WuMing: grazie per il tuo commento, visto che vivi nel cuore padano mi fa molto piacere! A presto!

    Mi piace

  10. Questo post è uno spettacolo…
    …l’unica cosa… cosa ti ha spinto ad andare a vedere addirittura il sito internet?!!?!?
    ciao!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: